Playlist per un viaggio on the road

Rubrica: Taca la musica!

Capita solo a me di porre maggior cura nella preparazione della playlist che dell’itinerario e della valigia? Non si discute, un viaggio on the road che si rispetti deve essere accompagnato da una ricercata colonna sonora.

Deve racchiudere un po’ tutto quello che mi aspetto dalla prossima esperienza, perché le vibrazioni della musica che sceglierò ne influenzeranno l’andamento. In una playlist da viaggio non tutti i pezzi devono per forza trattare tale tema, preferisco dare più importanza al ritmo, alle atmosfere e alle sensazioni che trasmettono.

Non so ancora quali mete raggiungerò, ma so cosa desidero da questo viaggio e, sulla strada, la musica sarà mia musa e mia compagna. Certamente ci sono brani e artisti che amo molto e che in questa playlist non inserirò, perché pretendono un ascolto profondo e senza distrazioni, o semplicemente perché non è l’occasione giusta.

Di seguito la bozza della mia playlist, ancora in divenire, anticipata da alcuni degli elementi essenziali che faranno parte di questo viaggio. Se avete suggerimenti, sono ben accetti!

Scoperta

Scoprire, curiosare, attivare i cinque sensi al massimo, catturare vita. In questo “state of emergency” in cui mi trovo ho bisogno di un guru che mi aiuti a ricongiungermi con la natura. Homogenic di Bjork è perfetto. L’album, in realtà, racconta un ritorno a casa. Fu scritto infatti in Islanda, dopo quel tragico avvenimento capitato all’artista nel suo appartamento di Londra. In ogni brano si percepisce qualcosa dell’incontrollabile terra nativa di Bjork. Il pezzo che porterò con me è Joga, il più forte a livello emozionale.

Relax

Take it easy. Staccare dalla quotidianità, non avere orari prestabiliti entro i quali dover organizzare doveri e svaghi. Non è il pezzo degli Eagles che mi accompagnerà ma la morbida e fragile Apocalypse di Cigarettes After Sex. Un’interessante band americana che racconta storie di cuori spezzati sulle basi di un dream pop stropicciato.

Incontri

Quei personaggi che incontri solo durante i viaggi, che quando torni non vedi l’ora di raccontare agli amici e che rimarranno sempre simpatici aneddoti da ricordare. Sulle note di Girls and Boys dei Blur, so che sulla mia strada si materializzeranno curiosi aborigeni e insoliti turisti. Nel brano, in effetti, si parla proprio di un aspetto delle vacanze, in modo molto frizzante. Come negli altri 15 pezzi di “Parklife” l’ironia è la chiave di tutte le storie di questo album datato 1994.

Sentimento

A me piace quella sensazione che rimane quando stai per lasciare un posto speciale. Dolce nostalgia che nasce solo se hai vissuto qualcosa intensamente, con sentimento e trasporto. Paul Weller, l’ex frontman di The Jam, nella sua morbida ballata You do something to me (da “Stanley Roads”, 1995) lo trasmette benissimo.

Leggerezza

A rappresentare questo aspetto del viaggio sono i Cranes, una band che forse leggera non è. Sanno muoversi benissimo tanto in ambienti eterei quanto nei territori insidiosi della New Wave. Con “Loved” (1994) hanno dato vita a uno degli album più riusciti del Dream Pop. Nella Playlist entrerà: Shining Roads.

Divertimento

Quando ti diverti, provi piacere, stai bene e non vorresti fare nient’altro. Praticamente come quando ascolti una canzone dei mitici, inimitabili, innovativi Talking Head. Per questa esperienza ho ripescato Road to Nowhere da “Little Creatures” del 1985.

E per il ritorno?

Sicuramente andrò alla caccia di qualche chicca di musica popolare che, nl viaggio di ritorno, mi farà riassaporare alcuni momenti della mia vacanza. La musica folk è un patrimonio che spesso non è stato adeguatamente considerato. Racconta, invece, moltissimo di un paese: tradizioni, usi, costumi, curiosità, avvenimenti e persino il carattere di un luogo, è storia. Magari ve ne parlerò…

Sei pronto per l’inizio dei corsi di scrittura creativa del Grafema ad Ottobre?

Che aspetti? Scrivici per saperne di più, oppure clicca qui. 🙂

Francesca Renzetti

Redattrice
Nella vita di tutti i giorni sono una mamma, mi occupo di web marketing, social network. Il Buongiorno a casa mia profuma di caffè e ha la carica del Rock. Naturalmente inizia alle sei della mattina con il sorriso di mia figlia.
La mia rubrica è Taca la Musica!
Leggi la mia biografia oppure