Magazine » Istantanee

Istantanee

Un vecchio angelo era seduto di fronte al suo nemico. Il piccolo cortile del piccolo bar. Due birre fresche.
Non avevano preso accordi. Un giorno non avevano scatenato la loro solita tempesta di lotta eterna, si erano seduti a chiacchierare. Come va, come non va.
Si conoscevano da prima del tempo, immortali e invincibili, si scontravano in terra e in cielo.
L'uno per l'altro, erano quanto di più simile a un amico, a un migliore amico, avessero.
L'avversario giocava a tracciar segni attraverso l'umidore della bottiglia. Intorno a loro, guardava, quegli esseri dalla vita tanto breve e insignificante stavano come istantanee di fronte alla sua eternità.
Un bimbo piangeva, osservando sconsolato il suo gelato sciogliersi tra la ghiaia.
Quattro vecchi giocavano a carte, tanto più alte le loro voci quanto più calava il vino nella brocca.
Da sempre, sempre, combatteva quell'angelo che era sempre stato vecchio, per possedere quelle persone.
L'angelo faceva lo stesso.
Da quel giorno, aggrappati nella tempesta a quelle prime chiacchiere, ne avevano parlato spesso. Perché si battevano?
Perché, si battevano?
Perché l'avevano sempre fatto. Perché quello era ciò che erano. Nulla c'era a guidarli. Nessuno li comandava. Ridevano intimamente delle convinzioni di quelle istantanee umane. Dell'alto dei cieli e degli abissi infernali.
Non lo trovavano più così divertente, da quando avevano cominciato a parlarne.
Il vecchio angelo finì di scolare la sua birra. Il bimbo che piangeva era ora un vecchio giocatore di carte. Aveva preso il posto delle istantanee dei vecchi, oramai polvere.
Anche l'avversario si affrettò a finire la sua birra, gettando occhiate intorno a lui. La radio a valvole era diventata un televisore ultrapiatto.
«Che si fa domani» dissero contemporaneamente, infinitamente affabili «combattiamo?»

 
A Ottobre i nuovi corsi.

Cosa aspetti?
Iscriviti ed entra
nel mondo del Grafema!

Giorgio-Arcari

Giorgio Arcari

Direttore editoriale
Classe 1980. Milanese di nascita e di fretta e romagnolo di tappa o forse di arrivo. Da bambino ho deciso che avrei fatto lo scrittore, da grande.
Curo l'editoriale Grafemi e Nuvole e la rubrica Pillole di scrittura.
Leggi la mia biografia, trovami sui social oppure