Animals 3 – Apocalypse now

Rubrica: Animals

All’improvviso il fianco della collina coperto di ali bianche. Migliaia di gabbiani tutti assieme. Il mare è lì, in lontananza. L’immagine è statica, solo qualche svolazzo, qualche beccata. Non sento il loro verso stridulo. Una volta all’anno, durante l’estate, la situazione si ripete. Poi non se ne vede più, nemmeno uno.

I gabbiani fanno pensare alla libertà, a quello staccarsi dalla madre terra, al volo, che a noi non è consentito. Noi umani possiamo volare solo con la mente. C’è poi questo grido aspro, sgraziato e aggressivo. Va beh! Attorno ai pescherecci al porto di Rimini creano una forte suggestione. Li ho anche visti avventarsi sull’immondizia in una discarica: scenario angosciante.

Cosa li ha richiamati qui? In una mattina d’estate dal sole velato e dall’afa noiosa? Quale oscura esigenza li ha fatti radunare così numerosi? Metto quasi in discussione la mia vista. È una scena da incubo notturno. Chiudo gli occhi li riapro, sono ancora lì. Poi all’improvviso non ci sono più. Se ne sono andati in massa, com’erano venuti. Via in silenzio, loro sempre così chiassosi. Ora è la campagna ad apparirmi irreale, di nuovo ordinata e lineare.

Massimo Rastelli

Redattore

Sono nato nel 1958 a San Marino. La passione per la scrittura l’ho sempre avuta, anche se in certi periodi in modalità silenziosa. Il quotidiano La Tribuna Sammarinese ha pubblicato nel 2004 una raccolta di miei articoli col titolo SITI – Luoghi fisici, mentali, virtuali.
Le mie rubriche sono Cronache dal Cantiere e Animals.
Leggi la mia biografia oppure

Altri articoli di Massimo